Prato 2002-03 C1A 8° posto

Gasparetto,Lamma,Gori,Gorzegno,Sarti

Serrapica,Morfeo,Vettori,Basso,Lamonica,Gutili 

(Prato – SPAL   Foto Bolognini)

 

Si torna dunque a giocare con squadre piu’ consone al livello del Prato. Durante l’estate vengono ceduti (o comunque, vanno via) pezzi pregiati come Antonini,Bonatti,Bucchioni,Cellini,Lugnan,Maiolo,Mauro, ed all’ultimo anche Pagliuca che approda in A a Perugia!

Arrivano giovani interessanti, a partire da De Martin, che pero’ s’infortunera’ prima di esser ceduto poi a gennaio all’Alzano.

Arrivano poi anche importanti pedine, primo fra tutti Gasparetto, che risultera’ determinante come vedremo!

La Coppa Italia e’ il primo banco di prova, dopo il ritiro di Baragazza. Come sempre si inizia ad agosto inoltrato, ma l’appuntamento clou e’ al Franchi con la Florentia Viola, il continuo della Fiorentina radiata a fine luglio per problemi finanziari. E’ un 3-1 che scalda dopo anni il popolo pratese, prossimo all’inizio del campionato.

Complice una situazione tutt’altro che chiara a livello di federazioni e leghe calcio, la prima giornata salta (prevista trasferta a Cittadella) e il 7 settembre, anticipata per le feste dell’8 settembre, torna il derby : Prato-Pistoiese!

Prato-Pistoiese e’ dunque la partita inaugurale di tutta la Serie C, e Prato si mostra “carica” per questo inizio di campionato, testimoniato tra l’altro dalla corsa al biglietto e agli abbonamenti, e non ultimo dal fatto che lo stesso nostro sito nel mese di settembre contera’ oltre 300 contatti di media al giorno! La partita viene decisa dal nostro “trombettiere” Mario Morfeo con uno splendido calcio di punizione, Prato 1 – Pistoiese 0! Gli scherzi del calendario ci riservano un’altra partita casalinga, altro derby contro il Pisa sconfitto all’esordio in casa con il Treviso. Stessa atmosfera, ma un Pisa anche fortunato (errore di Sarti su un gol e Morfeo che sbaglia un rigore sullo 0-2) ci batte. Il pubblico e’ pero strepitoso e non manca di tributare un applauso finale per l’impegno dei lanieri.

Con le migliori credenziali andiamo ad Arezzo, ma al termine di una partita dominata dagli amaranto riusciamo ad ottenere il pareggio con le reti di Lamma e Serrapica. Si torna al LungoBisenzio e con il Padova Gasparetto segnera’ il primo gol in campionato, su rigore. Sara’ solo l’inizio di una lunga serie! Il Prato inizia a macinare punti, offre un bel gioco e bomber Gasparetto e’ il finalizzatore di una serie positiva contro il Varese, ma soprattutto per le 3 vittorie consecutive contro Cittadella (il recupero),SPAL e Lumezzane che ci portano al 3° posto dopo 8 giornate! L’attesa e’ tanta per l’arrivo del rivale storico Spezia, ma per la serie “quando son messe male vengono a fare la partita della vita” perdiamo in casa, complice anche l’annullamento di un gol valido a Bongo nel finale. Altra sconfitta poi a Cesena, contraddistinta pero’ da una splendido secondo tempo e da altri 2 gol del Gaspa. Ma il riscatto viene subito contro il Treviso abbattuto con una grande prestazione corale, subito valorizzata da una vittoria esterna ad Alzano sotto un nubifragio. E’ sempre una corsa in testa, siamo quarti.

Altro derby al LungoBisenzio, c’e’ la Lucchese. Un errore difensivo provoca rigore ed espulsione di Lamonica, ma il Prato in 10 riesce a mettere sotto i rossoneri fino a centrare il pareggio sempre con Gasparetto nel tripudio dei nostri tifosi! Prato assatanato ma nel finale un contropiede da a Carruezzo la palla per la vittoria. Peccato. La trasferta dopo, a Leffe, e’ una disfatta: 0-3 e Sarti con mandibola fratturata.

Sarti che verra’ sostituito da Toccafondi anche per le successive 3 partite. Otteniamo altri importanti risultati consecutivi con la Pro Patria (errore difensivo per il loro pareggio),a Carrara (Gaspa su rigore, ne sbaglia un altro, alla fine vinciamo e vengono espulsi Morfeo e Padoin), poi altro pareggio pre-natalizio con la Reggiana. Alla fine del girone di ritorno siamo sesti, ad un passo dai play-off.

Il ritorno si apre sottotono, ma nonostante tutto battiamo al termine di una partita orribile il Cittadella (grande gol di Padoin, poi ceduto all’Empoli). 2 pareggi a reti bianche nelle successive trasferte di Pistoia contro i rivali storici, supportati da oltre 2000 lanieri) ed a Pisa.

Intanto tiene banco il mercato, che fra un nugolo di giovani di belle speranza ha le perle in Florean e Rinaldini, le cessioni di Porro,Diamanti, la rescissione del contratto di Bongo e come gia’ detto, Padoin all’Empoli.

Quella che dovrebbe essere la partita della svolta e’ la nostra fine: l’Arezzo espugna meritatamente Prato, poi perdiamo a Padova nello scontro per il sogno 5° posto che vedremo da ora in poi solo da lontano. Ma con il Varese in un’altra partitaccia Gasparetto su rigore (l’ultimo concesso in stagione) ci da la vittoria. Le seguenti 3 partite si tramutano in sconfitte: inesistenti a Ferrara, surclassati in casa da un Lumezzane in giornata di grazia e nuovamente perdenti a Spezia. La situazione inizia a dar qualche sussulto di paura. Con il Cesena una prestazione tutto cuore e grinta ci riporta alla vittoria con la prima rete laniera di Rinaldini e papera del portiere bianconero.

Si va poi a Treviso, Gasparetto acciuffa il pari all’ultimo minuto, ma riusciamo a perdere su un fuorigioco chiamato male al 6° minuto di recupero! Il tifo si agita un po’, c’e’ il rischio di vanificare quanto di buono fatto con la riconquista della C1.

Scialbo pareggio con l’Alzano, nuova sconfitta a Lucca (sempre Carruezzo, stavolta su rigore). Pero’ la squadra di Esposito c’e’ , e lo fa vedere con l’Albinoleffe ( le prime 3 in classifica hanno perso sempre a Prato!) Nel convulso finale con meta’ squadre che cercano di evitare i play-out un doppio Gaspa torna al gol a Busto Arsizio e ci consegna una preziosa vittoria esterna.

Chiudiamo con la Carrarese in casa, 1-1, gran gol di Morfeo e salvezza matematica.

Il finale e’ tutto per Gasparetto salutato a gran voce dagli sportivi presenti. Altro finale per Gasparetto a Reggio Emilia, dove segna il 20° gol della stagione ma Ginestra del Padova con 2 reti finali vince il titolo di capocannoniere della C1A con 21.

Si chiude all’8° posto, 46 punti, un rendimento casalingo non proprio esaltante. Si guarda gia’ al futuro… il prossimo anno arriva dopo 73 anni il derby con la Fiorentina tornata al suo vero nome. Per il resto, salgono Treviso ed Albinoleffe (dopo finale con il Pisa) e scendono Alzano,Carrarese ed Arezzo,ovvero le ultime 3 in classifica.

 

Varie     Spettatori     Coppa Italia      Tutti i dati qui…     Dettaglio Partite       Chini Point

 

Sarti,Gori,Bonura,Gasparetto,Porro,Lamma

Gutili,Lamonica,Serrapica,Melani,Morfeo

( Prato – Padova    Foto Bolognini)

 

Sarti,Gori,Lamma,Padoin,Gasparetto,De Martin

Gutili,Lamonica,Morfeo,Bonura,Venturi

(Prato – Cittadella   Foto Bolognini)